Non tutte le ciambelle riescono col buco

“Non tutte le ciambelle riescono col buco!”, lo diceva sempre la nonna quando dal forno usciva una torta non proprio perfetta, ma comunque sempre ottima, come tutti i manicaretti che cucinava lei.

È la prima frase che mi è venuta in mente a Mafalda quando la nostra bella torta alla cioccolata ha iniziato a lievitare fuori misura. Tanto, tantissimo, fino a uscire dalla teglia e colare come un vero vulcano in eruzione nel nostro grande forno. Le bambine con le quali avevamo preparato il manicaretto guardavano fisse il vetro del forno con i loro occhi grandi, prima compiaciute - “Come viene bella grande!" - poi sorprese, e infine dispiaciute.

Ma restano ancora più stupite quando, assaggiandola in cortile, scoprono che il gusto è di gran lunga migliore dell'aspetto estetico!

Che splendida occasione per chiacchierare con loro e considerare che spesso le  vicende della vita non vanno come vogliano noi. Che attenzione, amore, impegno e buona volontà spesso non bastano per fare la “torta perfetta”. A volte serve un pizzico di fortuna, altre volte un po' di aiuto, altre ancora richiedono un grammo di speranza.

E poi impariamo qualcos'altro di molto importante: non sempre ciò che non è bello per gli occhi non è buono o piacevole. Anzi.

Alla fine mega merenda con la nostra “torta morbidella, forse la più bella”, sicuramente la più speciale, perché fatta con le nostre mani per gli altri bambini della comunità.