I nostri volontari

Per lavorare con bambini che hanno vissuto esperienze traumatiche e di profondo disagio serve l’intervento di professionisti preparati. Allora come possono un infermiere, un avvocato, una segretaria, un impiegato, un architetto, un autista, una cuoca, un pensionato, una casalinga essere d’aiuto per questi piccoli?

L’Associazione Ercole Premoli rende questo possibile perché, alle persone che desiderano mettere a disposizione parte del loro tempo, offre varie possibilità di attività a fianco dei bambini della Comunità Mafalda e della Casa Famiglia Mondolfiera.

C’è chi vorrebbe fare qualcosa per questi bambini sfortunati ma ha un lavoro molto impegnativo e ha tempo libero solo nel weekend. In questi casi è perfetta la proposta di diventare "famiglia amica". Accogliere un bambino o una bambina nella propria casa durante il fine settimana rende possibile per lui o per lei fare delle attività che in comunità sono rare (gite fuori porta, cinema, cena al ristorante o in pizzeria) ma soprattutto gli consente di sperimentare cosa significa vivere in famiglia e instaurare delle relazioni sane con gli adulti.

C’è chi si fa avanti per dare una mano “nel pratico” perché ha del tempo libero ma non si sente pronto a stare con i bambini. Il lavoro per loro non manca mai: piccoli lavori di manutenzione in casa, sistemazione degli indumenti e degli oggetti che vengono donati alla comunità, indumenti dei bimbi da stirare o cucire, aiuto nella cura e nell'arredo della casa.  

C’è chi ha tempo libero anche in settimana e si offre di dare una mano per tutte quelle che sono le attività quotidiane in comunità, dall’aiuto nei compiti, al gioco con i bambini, alla collaborazione nelle varie faccende domestiche. A queste persone si chiede di individuare un giorno in cui possano garantire una continuità settimanale o quindicinale e, di volta in volta, concordano con gli educatori in che ambito è più utile che diano il proprio prezioso supporto.

C’è chi si mette a disposizione per affiancare gli educatori negli accompagnamenti e permettere così ai bambini di svolgere le varie attività extrascolastiche: lo sport in settimana, la gara il sabato o la domenica, la festa di compleanno del compagno di classe.

C’è chi si avvicina all'associazione per fare esperienza in questo ambito, su consiglio di psicologi o assistenti sociali, per completare il percorso di preparazione a diventare famiglia adottiva. C'è invece chi sceglie di dare la disponibilità per l'affidamento familiare e si tiene in "allenamento” accogliendo i piccoli Mafaldini nei fine settimana.

Alcune famiglie, poi, dopo un periodo di “allenamento”, iniziano il cammino a fianco di questi piccoli come famiglie affidatarie.  L’Associazione Ercole Premoli viene loro in aiuto, offrendo momenti di confronto con altre famiglie che stanno percorrendo la stessa strada e con operatori che da anni lavorano in questo settore. La finalità è quella di costruire una solida rete in grado di accogliere e sostenere sia il minore che la famiglia a cui è affidato.  

Fanno parte dell'associazione persone molto diverse tra loro, per esperienza, per occupazione, per età, per aspettative. Alcune si avvicinano all'esperienza con entusiasmo e decisione, con l’idea di iniziare subito un'attività tanto coinvolgente. Altre lo fanno in punta di piedi, titubanti perché consapevoli della necessità di trattare con attenzione e delicatezza questi piccoli e un po’ dubbiosi sulla propria capacità di essere davvero d'aiuto.

Alcuni sarebbero pronti a venire in comunità tutti i giorni. Altri faticano a trovare il tempo in mezzo a mille impegni. Altri ancora si fanno avanti per dare una mano quando arriva una richiesta d'aiuto. Qualcuno è capace di riparare un rubinetto? Qualcuno può darci una mano a montare un nuovo gioco? Qualcuno si offre di sistemare il cortile in vista della festa?

Tutte però hanno in comune un desiderio, quello di aiutare i bambini in un momento di difficoltà, e la volontà di farlo con umiltà, senza sentirsi super eroi e con la massima fiducia negli operatori e nel loro progetto.

La nostra associazione non è grande, né famosa. È una realtà piccola, nella quale i soci si conoscono tutti e sono gli stessi volontari a passare parola per coinvolgere amici, conoscenti, parenti. Anche le risorse economiche di cui l’associazione dispone sono esigue, ma i nostri soci e i loro amici sanno essere generosi quando serve e, di tanto in tanto (magari in occasioni speciali come un compleanno, un matrimonio o un anniversario), qualcuno versa sul nostro conto corrente qualche soldino, che viene poi utilizzato per rendere migliore la vita quotidiana dei bimbi ospiti della Comunità Mafalda e della Casa Famiglia Mondolfiera.

Fatevi contagiare anche voi dai nostri volontari e provate a fare un pezzo di strada con noi!

Per informazioni potete contattarci al 011 9188239 o scrivere un'email a info@associazionepremoli.org

Per donazioni: IBAN IT41Q 03359 0160 0100 0001 16398