Assistenza alunni disabili, cambiano i criteri di assegnazione delle risorse

Cambiano i criteri di assegnazione delle risorse alle Regioni a statuto ordinario per l'assistenza degli alunni con disabilità. In sostanza, la cifra è la stessa dello scorso anno - 75 milioni - ma diversamente distribuita. Da quest'anno, l'80% delle risorse è ripartito in base al numero degli alunni iscritti mentre il restante 20% in base alla spesa storica. L'anno scorso le percentuali furono rispettivamente 70% e 30%. Nel 2016, 60%-40%, mentre nel 2015 le risorse (15 milioni) furono ripartite considerando unicamente la spesa storica.

Stiamo andando verso una maggiore equità, secondo il presidente della Fish, Vincenzo Falabella. In effetti, suddividere le risorse in base alla spesa storica in molti casi significa semplicemente perpetrare l'inadeguatezza delle risorse assegnate in passato.

Quest'anno quindi la Lombardia avrà 1,1 milioni in meno, il Lazio 869 mila, il Piemonte 426 mila. Emilia Romagna e Toscana, invece, otterranno un surplus di fondo di oltre 800 mila euro.

Le risorse saranno utilizzate per l’assistenza all’autonomia e alla comunicazione personale degli alunni con disabilità fisiche o sensoriali.

Per approfondire, leggi qui.