Alternanza scuola-lavoro, avviati gli stage a Mafalda e Mondolfiera

Anche quest’anno è arrivata la fine della scuola, e con lei anche gli stagisti dell’alternanza scuola-lavoro.

Ormai, infatti, si è consolidata la proficua collaborazione con l’Istituto chivassese “Europa Unita” che ha visto gli educatori di Mafalda trasformarsi in formatori e recarsi in aula a raccontare il proprio lavoro. Chi sono i bambini seguiti, cosa sia e cosa faccia un tribunale per i minorenni, quali siano le differenze fra affido e adozione, cosa sia una cooperativa, e molto altro ancora. Il tutto con riferimenti legislativi, con racconti di quotidianità, aiutati da slide, filmati, lavori di gruppo.

Il percorso formativo, rivolto a tre classi di terza superiore, è culminato con la visita della comunità Mafalda e della casa famiglia Mondolfiera. Si tratta di un momento sempre molto bello perché i ragazzi si trovano di fronte a una realtà molto diversa da quella immaginata. “Sembra proprio una casa!” è l’incredula esclamazione ricorrente.

Insieme all’arrivo dell’estate sono arrivati anche i primi stagisti, quest’anno undici, che cammineranno di fianco all’équipe per due settimane ciascuno, immergendosi in sfide all’ultimo fiato in cortile, partite a carte, ripassi di tabelline, nei meandri dei congiuntivi e nelle regole dell’inglese.

Una ricchezza reciproca, questi incontri, per tutti gli attori coinvolti: bambini, ragazzi e educatori. Nonostante non si possa nascondere una certa fatica nel percorso, sia per i ragazzi che devono capire, sia per gli operatori che devono spiegare e trasmettere con chiarezza e consapevolezza, si tratta di una grande occasione di riflessione sulla motivazione che permette di rinnovare la propria scelta.